Utilizzare un buon Proxy 4G è fondamentale per evitare blocchi IP e rischiare di vedere il proprio account bloccato o sospeso. Alcuni dispositivi, come ad esempio alcuni modelli di smartphone Xiaomi, non supportano l’autenticazione dei proxy e richiedono necessariamente un Proxy4G senza username e password.

Se hai uno di questi dispositivi e vuoi anche tu utilizzare un Proxy4G non preoccuparti! In questa guida ti spiegheremo come fare.

Tutti i Proxy4G necessitano di ricevere uno username e una password per motivi di sicurezza, il Proxy4G è personale e senza una adeguata protezione potrebbe essere utilizzato da chiunque e vanificherebbe il suo scopo.

Per utilizzare un Proxy4G con un dispositivo che non supporta l’autenticazione dei proxy dovrai creare un proxy “intermedio” su un tuo dispositivo locale, in questa guida ti spiegherò come crearlo usando un Raspberry Pi.

Dopo aver installato il sistema operativo sulla scheda SD o microSD collegati tramite SSH, oppure apri un terminale dal menù del Raspberry Pi.

Sul terminale lancia il seguente comando:

sudo apt install tinyproxy

Congratulazioni! Ora il proxy intermedio è già funzionante, ma non è ancora configurato. Una volta installato con successo TinyProxy dovrai modificare il suo file di configurazione e impostare il proxy di “upstream”, in questo caso il tuo Proxy4G.

Per modificare il file puoi usare nano. Digita il seguente comando:

sudo nano /etc/tinyproxy/tinyproxy.conf

Ti si aprirà un editor di testo intuitivo:

Cancella il contenuto del file e inserisci il seguente:

 User tinyproxy
 Group tinyproxy
 Port 8080
 Timeout 600
 DefaultErrorFile "/usr/share/tinyproxy/default.html"
 Logfile "/var/log/tinyproxy/tinyproxy.log"
 LogLevel Info
 PidFile "/run/tinyproxy/tinyproxy.pid"
 MaxClients 100
 MinSpareServers 5
 MaxSpareServers 20
 StartServers 10
 MaxRequestsPerChild 0
 DisableViaHeader Yes
 ConnectPort 443
 ConnectPort 563
 ReverseOnly Yes
 Upstream server, should match the one displayed in your dashboard
 Upstream pluto.proxyplanet.io:80
 Set your authentication string here
 AddHeader "Proxy-Authorization" "Basic AUTH_STRING_HERE"
 List of allowed IP addresses
 Allow 127.0.0.1
 Allow 192.168.0.0/16
 Allow 172.16.0.0/12
 Allow 10.0.0.0/8

Nel file di configurazione vanno inserite le credenziali del tuo Proxy4G. Per farlo dovrai generare la AUTH_STRING da sostituire dove indicato nel file.

La AUTH_STRING si genera prendendo lo username e la password, concatenandoli aggiugendo in mezzo “:” e poi convertendoli in base64 usando uno dei tanti tool online.

Ad esempio, se il tuo username è utente e la password è mucca:

 utente mucca -> concatenazione -> utente:mucca -> base64 -> dXRlbnRlOm11Y2Nh

La tua AUTH_STRING sarà quindi dXRlbnRlOm11Y2Nh

Ora dovrai configurare il tuo Proxy4G sul tuo dispositivo, per farlo basta indicare come proxy l’indirizzo IP del Raspberry Pi, la porta invece è la 8080.

Per scoprire l’indirizzo IP del tuo RaspberryPi puoi usare il comando “ifconfig”:

In questo caso di esempio l’IP è 172.17.0.6

Congratulazioni! Ora puoi utilizzare il tuo Proxy4G anche su dispositivi che non supportano l’autenticazione dei proxy!

Write A Comment