In questo articolo ti spiegherò come fare per creare un tuo Proxy 4G per Instagram a casa tua e a costo zero.

Ti anticipo già che un Proxy 4G artigianale non potrà mai avere la stessa qualità di un Proxy 4G gestito in modo professionale. Se sei una startup o una agency che vuole automatizzare dei profili social non rischiare e affidati a dei professionisti per essere sicuro al 100% di non incorrere in ban o rovinare la reputazione dei profili social dei tuoi clienti.

Sicuramente se hai già provato ad utilizzare Jarvee sai quanto sia importante utilizzare degli indirizzi IP di alta qualità. A me è capitato innumerevoli volte di incorrere nell’errore “Instagram ha bloccato questa richiesta” oppure di vedere il mio profilo affetto da uno “shadowban” solo perchè stavo utilizzando un IP datacenter di bassa qualità. Poi ho scoperto la rivoluzione dei Proxy 4G e in poche settimane sono riuscito a raddoppiare l’engagement su quasi tutti i profili che gestivo solo grazie alle automazioni social.

Per creare un tuo Proxy 4G per Instagram prima di tutto è necessario procurarsi il materiale necessario, ti servirà:

  • Raspberry PI 4B (almeno 2GB di memoria RAM)
  • Una chiavetta 4G
  • La SIM card del tuo cellulare
  • Una connessione ad internet via cavo
  • Una scheda MicroSD per installare il sistema operativo del Raspberry

Scegliere la giusta scheda SIM è molto importante, in poco tempo puoi ritrovarti a consumare centinaia di Giga e incorrere in addebiti astronomici da parte del tuo operatore. Per questo scegli sempre SIM con traffico illimitato, oppure proxy 4G che garantiscono traffico illimitato. Questo è uno dei motivi per cui tutti i piani di ProxyPlanet hanno sempre traffico illimitato incluso nel prezzo. In questo modo non dovrai preoccuparti dei limiti di traffico e potrai concentrarti sulla gestione social in assoluta tranquillità.

Un altro limite è dato dall’hardware, un Raspberry PI non è in grado di gestire grossi volumi di traffico e può rapidamente diventare un limite alla tua gestione dei social.
Noi a ProxyPlanet abbiamo superato questo limite usando dei server Dell PowerEdge ad alte prestazioni, con dei controller USB dedicati per ogni set di chiavette. In questo modo riusciamo a garantire ai nostri clienti la massima velocità possibile ed evitare ogni problema di latenza.

Cominciamo! Prima di tutto devi installare Raspbian sulla scheda MicroSD. Puoi trovare il link e il tutorial per l’installazione sul sito ufficiale Raspberry. Una volta installato Raspbian dobbiamo eseguire il seguente comando:

sudo raspi-config
menu di selezione raspi-config, comando necessario per creare un Proxy 4G per Instagram

Con le frecce andiamo su “Advanced options” e poi su “SSH”:

raspi-config menu interno

Alla domanda rispondiamo “Enable” per attivare il server SSH:

Attiviamo SSH sul menu, ci servirà per accedere al Raspberry Pi da remoto

Ora facciamo “Finish” e riavviamo il Raspberry.

Adesso puoi scollegare il monitor e la tastiera, non ci serviranno più. Una volta fatto accesso tramite SSH dobbiamo configurare usb-modeswitch.

Questo è un programma che ci serve per gestire le chiavette, per installarlo basta eseguire:

sudo apt install usb-modeswitch net-tools

Ora scollega e ricollega la tua chiavetta 4G, se la chiavetta supporta la modalità RNDIS dovrebbe comparire eseguendo il seguente comando:

ifconfig
output di ifconfig, qua possiamo trovare l'indirizzo IP della chiavetta

Ora dovrebbe essere comparsa un’interfaccia di rete con nome “wwan0” o simile, annota l’indirizzo IP dell’interfaccia della tua chiavetta perchè ci servirà fra un attimo.
In questo caso di esempio l’indirizzo IP è: 10.12.174.94.

Scegliere una buona chiavetta 4G è molto importante perchè può diventare uno dei principali limiti alla velocità del Proxy 4G e una delle principali fonti di problemi. Noi di ProxyPlanet usiamo solo chiavette Huawei E3372h, che consentono di raggiungere velocità fino a 150Mega. Inoltre, dovesse una chiavetta avere un problema, in pochi millisecondi ti assegnamo automaticamente una chiavetta sostitutiva senza che tu debba far nulla.

Ora installiamo il server proxy, per questo esempio useremo TinyProxy:

sudo apt install tinyproxy

Ora modifichiamo il file di configurazione di TinyProxy con il seguente comando:

sudo nano /etc/tinyproxy/tinyproxy.conf
file di configurazione tinyproxy.conf

Modifichiamo le seguenti righe:

Port 1124
Listen 0.0.0.0
Bind 10.12.174.94

Ovviamente nell’opzione “Bind” dovrai inserire l’indirizzo IP che hai annotato in precedenza.

Un grosso limite dei Proxy 4G per Instagram artigianali è l’impossibilità di ruotare l’indirizzo IP, la rotazione IP è un aspetto fondamentale per la gestione dei social. Tutti i Proxy 4G ProxyPlanet includono la possibilità di ruotare l’indirizzo IP istantaneamente, questo è uno dei sistemi principali che consentono di evitare blocchi.

Ora il proxy è quasi pronto, dobbiamo solo ottenere l’indirizzo IP del Raspberry, che andremo poi a inserire dentro Jarvee.
Per farlo usiamo di nuovo il seguente comando:

ifconfig

Nell’output dobbiamo andare a guardare l’interfaccia eth0, accanto sarà indicato l’indirizzo IP, che di solito inizia con “192.168”.

Ora puoi riavviare il tuo Raspberry PI e collegarti al tuo proxy 4G. Ti basterà inserire l’indirizzo IP del tuo Raspberry nel campo Host e la porta 1124 nel campo porta.

Come hai potuto vedere creare il proprio Proxy 4G per Instagram è sicuramente un’operazione fattibile se hai un po’ di familiarità con l’ambiente Linux, ma non è semplice e presenta molti svantaggi rispetto a una gestione professionale del proxy.

Se vuoi un Proxy 4G affidabile, con uptime garantito e che ti protegga al 100% da blocchi e shadowban affidati a noi! I nostri piani partono da 67€/mese e ti consentiranno di gestire i tuoi profili social senza altri pensieri. Registrati ora per usufruire della prova gratuita di 3 giorni!

Write A Comment